Oh fjiuri jancu
Fjiuri adurusu
Tu pari stancu
Pari picciusu.
Tu non pari chjju chidda chi eri
T’ingiallisti intra a stu biccheri.
Dunque sti curi non fannu nenti?
Dunque st’amuri tu propriu no senti?
A tua presenza a mia me cara
Ma tu nda’ bisogni di la rosara.
Tu voi lu suli
Tu voi lu sirinu
mu ti cunsuli intra a su giardinu.
Tu voi la terra chi ti criau
Fici piccatu cu ti sciuppau.

 

[Ci tengo a precisare che questo componimento poetico non mi appartiene. Ho voluto riportarlo qui perchè tra le sue righe ho intravisto una mestria ed una passione che in pochissimi casi ho avuto la fortuna di constatare.

E’ stata scritta da un poeta anonimo di Cittanova (RC), il quale dedica questa poesia alla madre portando su carta il ricordo degli ultimi attini di vita di quest’ultima ed il mare impetuoso di emozioni che ne consuegue.

A mio avviso questo componimento merita l’attenzione dei grandi critici e dei poeti d’alta levatura perchè la qualità ed il sentimento balzano fuori dalle righe per arrivare dritti e senza mezzi termini ai sentimenti di qualsiasi essere umano giusto o malvagio che sia.]