Fin da quando eravamo bambini, mamma e papà ci hanno insegnato cosa è giusto e cosa invece è sbagliato. Diciamocelo, saper distinguere il bene dal male è importante … fondamentale.

Ci hanno insegnato che i bambini cattivi vanno all’inferno e che quelli buoni in paradiso. Dio è su ed il diavolo sta giu. Il tutto ci viene posto su un disarmante piano di semplicità, apparentemente così logico da non poter indurre nessun essere umano che non superi i cinque anni, ad avere dubbi sullo stato effettivo delle cose. Una volta diventati grandi, perché ripensare ad una questione che è già stata risolta la posto nostro molti anni orsono?

Ma! (C’è sempre un “Ma”)

Sono certo che tutti, almeno una volta nella vita, anche per un solo istante, ci siamo posti una domanda:

 

“E se non fosse così?”

 

È apparsa dal nulla questa domanda. Tanto che ti chiedi “Ma che centra adesso?”. Poi vola via come una nuvola di fumo destinata a fondersi con l’aria. Sicuramente la si è già dimenticata mezzo millesimo di secondo dopo, ciò non toglie che la domanda non sia stata posta, quindi, visto che oramai ci siamo, riproviamoci per bene questa volta:

 

“E se non fosse così? E se invece le cose fossero capovolte?”

 

O meglio:

 

“E se ci avessero raccontato solo una parte della storia? Se fosse qualcosa di più complicato di cui non abbiamo tenuto conto?”

 

Certo, si tratta di domande e dubbi alla fin fine, ma assecondiamo questo piccolo viaggio nell’incertezza, tra le calde e soffici lenzuola delle ipotesi. A tutti piace di tanto in tanto abbandonarsi anche solo per un attimo al flebilità dell’assurdo, immaginando una realtà dove ogni cosa è capovolta, una sorta di “Alice attraverso lo specchio” come raccontava Lewis Carroll.

Quindi, dicevamo, un mondo capovolto. Immaginiamo che dio sia il cattivo e che il diavolo sia quello buono. Cosa accadrebbe se una realtà del genere venisse fuori dall’oggi al domani? Giornali, Tg, forum, blogger … tutti ne parlano! Cosa scatenerebbe una notizia simile?

Di certo il filone ebraico/ cristiano/ musulmano andrebbe fuori di testa nel trovarsi davanti un Dio che di misericordioso ha ben poco mentre i satanisti si rendono conto d’aver passato i sabati sera ad adorare e sacrificare topi ad un tizio che passava tutto il tempo a chiedersi: “Ma che cazzo stanno facendo?” (domanda che in effetti, si pongono un po’ tutti a prescindere). Quindi abbiamo un Diavolo che proprio maligno non è; ed un dio che pensa ai fatti suoi, senza preoccuparsi troppo di ciò che in teoria avrebbe creato.

 

Senza alcun dubbio si tratta di una rivelazione a dir poco devastante che causerebbe ripercussioni altrettanto distruttive, sia dal punto di vista economico che sociale (non abbiamo certo bisogno di ipotizzare granché su questo concetto). Forse qualcuno dirà che riguardo a dio “c’era da aspettarselo dopo tutto.”

In effetti, visto quello che dice il vecchio testamento della povera città di Sodoma, incenerita con una pioggia di fuoco. Ma non è il caso di stare a cavillare su chi ha detto e fatto cosa un fottio di tempo fa.

 

Tornando alla nostra rivelazione sconvolgente, l’odierna società religiosa verrebbe disgregata come una compressa effervescente in un bicchier d’acqua e fin qui siamo d’accordo. A questo punto però, l’ipotetica situazione che stiamo immaginando non tocca soltanto i signori monoteisti, ma anche chi fino a qualche momento prima era convinto che non ci fosse nulla né prima e né dopo la morte. Questi signori avrebbero davanti due verità inoppugnabili: Punto uno. Fino a quel momento non avevano capito veramente una mazza della vita che stavano “subendo”. Punto due. Quello che non avevano capito se l’erano pure immaginato male.

Risultato: sempre nel nostro mondo ipotetico, questi signori vivono nella confusione più totale e nel migliore dei casi, vanno incontro ad una conseguente e serena catatonia (anche se a dire il vero, di li, allo stato vegetativo, il passo è veramente breve).

Per evitare ulteriori ipotesi, che ci facciano esulare troppo dal discorso, ignoriamo volutamente le ripercussioni riguardanti altre religioni come buddismo, induismo, shintoismo ecc … Arriviamo subito alla classe di esseri umani che più di tutti teme cose come conseguenze dovute ad un giudizio definitivo: i politici.

Ebbene si, perché costoro, di fronte alla nostra “rivelazione ipotetica”, si trovano figuratamente genufletti; in pratica, in una posizione che definire scomoda sarebbe del tutto eufemistico. Non solo hanno professato ideali politici basati su di una fede che poi si è rivelata essere tutt’altro, si sono anche prodigati ad ignorare tutti in principi per ammassare potere e ricchezza a discapito del più debole. In questo caso assisteremo all’auto goal più epico della storia di questo pianeta.

 

Ed in fine ci siamo noi, gli Altri. La gente comune che vive per le strade, lavora per pochi centesimi l’ora e si sente dire dai telegiornali che la crisi ci sta mettendo in ginocchio e che l’unico modo per uscirne e pagare il triplo del doppio di quanto già si stava pagando, cercando quindi di trovare una qualche valida motivazione per non presentarsi a lavoro imbracciando un fucile d’assalto.

Immaginiamoci tutti allora, mentre siamo a lavoro, e pensiamo quanto potrà mai sconvolgerci la vita il sapere che quello sta su invece che giù e viceversa. Quanto potrebbe mandarci fuori di testa una cosa del genere quando si è già abituati a vivere in un inferno fatto di ecopass, di mutui da pagare, casse integrazioni, tasse e ipoteche sulla casa? Giunti a questo punto, tolti i politici, i prelati e tutti quelli che hanno incasinato la propria vita e quella degli altri per il solo gusto di farlo, cosa resta? Rimane proprio la gente comune.

Probabilmente solo loro sopravvivrebbero e sarebbe l’unica forma di vita a non sbarellare e ad andare fuori di testa perché lo è già. Stronzate esistenzialiste non avrebbero attecchito minimamente su di un individuo che ha la mente e la volontà occupata dal senso di sopravvivenza e allo stato attuale delle cose, se abbiamo un po’ di fortuna, saranno proprio queste persone ad ereditare la terra quando i giochi si saranno compiuti.

Sia chiaro … sempre per ipotesi.