Tag Archive: poesia


Il Vento nella Valle

Il vento si placa e il pianoforte suona.

Non si odono più i canti dei sognatori.

Non si odono più le preghiere dei profeti.

 

Il vento si placa e foglie si posano adagio.

Non si muovono e tremano rantolando al crepuscolo.

Non si muovono e si crogiolano alla luce del primo sole.

 

Geme il vento nella valle.

Le parole antiche celano futili verità.

Le parole del libro proferiscono menzogne.

 

Geme il vento nella valle.

L’erba non cresce e la terra non canta più.

L’erba non cresce e le montagne piangono.

 

Il portatore di luce trattiene la propria virtù

e lascia che i figli meritevoli soccombano

mentre la presa del boia s’allenta poco a poco.

 

Il portatore di luce ha orecchie solo per il carnefice

che dalla foresta nera tende la mano

puntando al cielo e alle ali del dio.

 

Il vento si leva nella valle.

L’erba ricresce e le anime assieme ad essa.

L’erba ricresce e nella terra canta.

 

Il vento si leva nella valle

La cenere cessa di cadere.

La cenere è oramai un mero ricordo.

Distintamente sento il rumore che fa la vita. Vita, vita … quante volte avete visto o letto un qualcosa che inizia con questa parola. Io troppe. Siamo stati capaci d’ inflazionare una semplice parola dal significato più profondo dell’universo stesso, un significato così ampio da poterlo rinchiudere relativisticamente nello spazio di quattro lettere.

Sto esagerando? Vero, lo so. Ma cosa pretendete dopo tutto? Sono più di quattro anni che non metto piede in questo posto ed è un po’ come quando entrate in una vecchia stanza che fino a qualche giorno fa ignoravate: sapevate benissimo che era li, cosa conteneva e a cosa serviva, ma non ci entravate. Non vi occorreva nulla che fosse contenuto in essa. Una soffitta piena di cose che non butteremo mai via e che in ogni caso non useremo mai, fino a quando un giorno, qualcuno o qualcosa riaccende quella vecchia lampadina e vi riporta alla mente quegli scatoloni pieni di ricordi. Senza che ve ne rendiate conto, vi trovate a ravanare dentro i cassetti per vedere dove diavolo avete messo le chiavi: “forse sono qui? Ah no! Forse le ho messe vicino alla cassetta degli attrezzi!”. In fine saltano fuori. La mente, come la casa, non ruba, nasconde.

Una figura retorica calzante, non trovate? A me piace, a dire il vero. In fondo siamo tutti un po’ nostalgici. Vecchi marinai che alla fine non hanno più voglia di prendere il mare, ma si ritrovano in un modo o nell’altro sul ciglio della scogliera a fissare l’orizzonte, ripescando dai ricordi vecchie avventure (o disavventure) passate ai famigerati “bei tempi”. Infatti, per alcuni, quell’orizzonte può essere chiuso in una scatola oppure in un blog stantio che nonostante l’incuria è rimasto lì, fermo ad aspettare che l’idiota in questione si decida finalmente a rimettersi a rigurgitare parole sulle sue pagine. Ora basta però: ce ne sono di cose da raccontare e la vita è proprio questa … per lo meno così dicono.

Non ho angeli custodi
se non la mia coscienza.

Non ho alcun dio
se non il mio Spirito

Non ho né santi né beati
solo l’anima corrotta dalla purezza
la stessa che rifulge e sgorga prorompente dalla mia umanità.

penna,-carta-160854

Cos’è che succede quando ci si trova davanti ad un foglio bianco, proprio come questo? I tempi sono cambiati e al posto della penna c’è una fredda testiera. Qualcuno potrebbe dire che si perde l’anima dello scrittore, altri invece che non c’è la stessa sensazione di chi incide lettera per lettera le parole che vengono dritte dall’anima e dettate dal cuore. Bella questa.

Forse è vero, forse no, al contrario penso che le parole vengono si dall’anima, ma che il mezzo con il quale si “incide” il proprio pensiero sul foglio non snaturi affatto l’opera di chi sta creando o dicendo qualcosa di vero. Non mi riferisco alla concretezza del tangibile o alle fredde logiche matematiche, ma alla proverbiale Vera Verità, quella che per essere pronunziata, abbisogna di una sola parola o addirittura di una semplice espressione in volto … come può essere un sorriso.

L’anima, per chi ce l’ha ancora, è una sola, e viene non dal cuore, come suggerisce una banale filosofia, bensì dall’esperienza e dalla capacità di digerire il passato, per quanto duro possa essere. Noi siamo predisposti per nostra natura a capire chi siamo e cosa siamo in grado di fare. Ci occorre la giusta motivazione, una scintilla emozionale tanto forte da essere propellente per la coscienza, facendola bruciare fino al limite tanto da farci urlare il nostro nome, perché troppo spesso dimentichiamo chi siamo davvero.

Non tutti sanno che l’anima, quella vera, è più vasta di mille universi, mentre uno solo di essi può essere racchiuso sulla punta di una penna. Resta solo da capire se quella penna è nostra oppure lasciare che qualcun altro scriva al posto nostro.

Spesso sentiamo dire che la sincerità è una bella qualità. Che essere sinceri è molto importante! Personalmente penso che non sia del tutto vero: molti confondono la sincerità con il buon senso, dicendo a se stessi e agl’altri, “io dico sempre quello che penso”, convinti che comportarsi in un dato modo sia giusto a prescindere e li renda così più autentici, magari sollevati da qual si voglia critica, nel caso in cui si esprima un giudizio o una propria opinione. Sia chiaro! La sincerità in vero, è si una qualità positiva ma è anche vero che va esercitata nella giusta misura.

Non bisogna esprimere opinioni pur sapendo che le persone alle quali vengono rivolte possano rimanerne offese. Le critiche sincere sono giustificate solo quando chi la riceve può trarne un qualche giovamento, anche se non si coglie subito la buona intenzione di chi la esprime. Inoltre è da tener conto che la persona veramente intelligente e matura, è comunque soggetta alle emozioni umane e come tale non è detto che elabori istantaneamente la critica rivoltagli, tuttavia il messaggio di vera stima all’interno della critica, giungerà solo quando le emozioni forti si saranno diradate e la ragione prenderà ancora una volta le redini della persona interessata.

Mentre, la critica fine a se stessa, è quella che si esprime solo per il gusto di farlo, con lo spirito di chi sente l’esigenza istintiva di fare da “bastian contrario”, al sol fine di risultare agli occhi dei presenti, arguto e genuinamente anticonformista. Inutile dire che, comportandosi così, si ottiene solo l’effetto contrario, poiché chi è avvezzo a questo inutile atteggiamento, non fa che risultare banale e suscitare fastidio in chi frequenta. Solitamente chi si comporta così tende ad iniziare quasi tutte le frasi con un “NO”, continuando con “IO”, seguito magari da un “IO PENSO INVECE CHE …”.

Alla fin fine, siamo “sinceri”, si tratta solo di essere veramente saggi, cercando di non farlo solo per apparire, bensì esprimere giudizi e opinioni non per se stessi ma per chi ha bisogno di sentire una vera critica, ossia un’opinione “appassionata”, espressa solo per capire e far capire. In definitiva, basta solo non dimenticare che per ogni parola c’è un tempo propizio per essere pronunziata o per essere taciuta.

Ho scritto una vecchia poesia

Scrivo una vecchia poesia,
già vecchia e di parole intrisa.

La penna parla per me
E il fiato si spezza in gola
nel tentativo di comprendere il “cosa” e il “Chi”.

Cerco la musica che muove l’universo
quelle note profane
depositarie di purezza, verità e insania.

Scrivo una poesia che è già vecchia
mentre le parole nascono pian piano
e senza che ci sia il bisogno di guardare il foglio bianco.

Un foglio che era libero da vane banalità.
Una cenciosa costrizione la sua
imbrigliato in un giogo di inutile filosofia.

Ho scritto una vecchia poesia.
La rileggerò pensando a chi ero prima di scriverla.

 

Mukai Kyorai [1651 – 1704]

l’uno nell’altro si specchiano

i verdi smaglianti

di due colline gemelle

Mukai Kyorai

La Nuvola solitaria

La nuvola solitaria nel cielo si trasporta.

Il vento la spinge.

Non ha ambizioni.

 

La nuvola solitaria non ha dubbi!

Nessun dolore

né rimorsi.

 

La nuvola solitaria non si pone domande

ma solo risposte e soluzioni,

esili come un sussurro.

 

La nuvola solitaria piano piano svanisce.

Ella sa d’aver vissuto.

Non cerca l’immortalità.

 

La nuvola solitaria sempre più piccola diventa.

Da lassù guarda ed osserva

chi è convinto d’essere grande ed eterno.

 

La nuvola solitaria conosce ogni cosa.

Ella sa bene che non c’è nessuno al mondo più grande di lei.

 

199X GENERAZIONE HOKUTO

Ken il Guerriero - Hokuto No Ken - Kenshiro - 北斗の拳 - Fist of the North Star - Ken Le Survivant - Soten No Ken - Le Origini del Mito - 蒼天の拳 - Fist of the Blue Sky - Hokuto Musou - Ken's Rage - 北斗無双

Karla con la K

Cilanga per nascita, Juarense per crescita, Terrona per nozze, Parmense per geolocalizzazione ed Essere di frontiera per vocazione

Cicciocz

Kept you waiting, huh?!?

Angelo Nizza

Filosofia / Linguaggio / Storia / Politica / Cultura

Overthink

ViewtifulMax' Blog

Giardinaggio Irregolare

Chi scrive di donne e giardini deve sempre avere il coraggio di dichiarare le proprie opinioni

Sunset Boulevard

Un luogo, un'ispirazione

Storie di Ruolo

Vent'anni di gioco di ruolo...

acookiecrumb

Briciole di vita, raccolte e raccontate.